Alfabeto del Deseret

Alfabeto del Deseret tentativo di subsitution delle lettere latine
l'alfabeto del Deseret
Il popolo mormone tentò l'esperienza, sotto l'impulso del Presidente Brigham Young di dotarsi di un alfabeto particolare, vero codice, che si chiamò all'alfabeto del Deseret. È un tentativo completamente originale in una Comunità religiosa, la crittografia essendo generalmente riservato ad iniziati. Il progetto di Brigham era di estenderlo a tutti i membri della chiesa di Gesù dei santi degli ultimi giorni.
 È in 1850 che George D. Wyatt creò quest'alfabeto, concepito come un'alternativa all'alfabeto latino per scrivere l'inglese. Il termine Deseret è stato scelto rispetto ad una parola di un versetto del libro d'etere, che appartiene al corpus del libro di mormone, riprodotto in motto esplicativo di quest'articolo.
George D. Wyatt, esperto ne sténographie, lo sviluppò nell'ambito dell'università di Deseret, che diventerà più tardi l'università di Utah. Alcuni passaggi del libro di mormone furono tradotti in questa scrittura sconosciuta a 8000 copie, e 4 libri furono pubblicati dalla chiesa di Gesù Christ dei santi degli ultimi giorni in alfabeto di Deseret. Alcuni annali di membri della chiesa mormone furono trovati scritto in alfabeto del Deseret. Inoltre quest'alfabeto fu utilizzato su valute, e diversi oggetti prodotti da mormoni.
A Cedar city in Utah, c'è anche una lapide incisa in scrittura di Deseret. In occasione dell'integrazione dello Utah nell'unione americana, Deseret fu abbandonato a profitto dell'alfabeto latino. Infatti, l'adozione di quest'alfabeto avrebbe separato i santi dei "piacevoli" degli Stati Uniti e sarebbe diventata una fonte di conflitto e di isolationnisme dopo le varie persecuzioni che avevano vissuto i mormoni.
Occorre sapere che il primo giornale dello Utah pubblicato in 1859 lo fu in alfabeto di Deseret. La popolazione dei santi non accettò nella sua maggioranza quest'alfabeto, semplicemente perché era molto complesso ad utilizzare e mémoriser. Tuttavia in occasione del loro arrivo nella valle del grande lago salato, i coloni mormoni espressero rapidamente il desiderio di possedere il loro alfabeto che li differenzierebbero dei piacevoli. Si avvicinava allo sforzo che deve effettuare un immigrante ebreo in Israele quando deve avere la notizia dell'ebreo.
 Deseret e l'ebreo hanno in comune il fatto che fanno realmente lavorare la memoria, e Deseret rimane un esercizio eccellente per mantenere la memoria! La versione finale comportava 38 lettere, per rendere l'inglese, cosa che è un'esperienza unica che riguarda la lingua di Shakespeare. Al giorno d'oggi gli specialisti studiano ancora l'alfabeto di Deseret, e persone private lo utilizzano sia per gioco, sia per interesse per questo sistema particolare di scrittura. Questa forma di scrittura evoca anche di gran lunga i metodi di codifica maçonnique, che esistevano già allo XVIIIe secolo, e che Brigham Young, utilizzò a volte, sembra nella sua gioventù.
 Il vantaggio per i mormoni di possedere quest'alfabeto era quello di sviluppare un exclusivisme culturale, che li mettevano al riparo dalla curiosità spesso non sana dei piacevoli all'epoca. Ma ciò facilitava anche l'apprendistato dell'inglese per convertiti i non anglofoni. Nessuno non conosce fino ad oggi l'origine dei caratteri sconosciuti utilizzati per creare Deseret.
Alcuni ricercatori vi vedono il talento di Wyatt in phonographie, altro vi individuano un'influenza esoterica, vedere magico e lo avvicina all'alfabeto Enochéen di John Dee. Esistono software adeguati al Macs e PC, per scrivere in Deseret... Un modo eccellente di codificare scritti, in modo veramente ermetico. La chiesa mormone è diventata un popolo a pieno titolo, gli occorreva la sua scrittura, il fratello George D. Wyatt gli offrì in modo magistrale. Deseret è ancora studiato, poiché molti punti oscuri rimangono quanto alla sua storia ed alla sua elaborazione, gli storici di domani li illumineranno probabilmente sulla scrittura di Deseret.


13/09/2006
0 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 240 autres membres