Jules Verne e Mormonismo

JULES VERNE E MORMONISMO
Jules Verne (1828-1905)
La pubblicazione di questo romanzo risale a 1873, riferisce la sfida lanciata da un gentiluomo britannico, erudito ed uomo di cultura: Phileas Fogg accompagnato dal suo servo francese Passepartout, che consiste nel fare il giro del mondo in meno di tre mesi. Questo romanzo è il più letto al mondo dei?uvres di avventure. In 1873 ciò fa già 29 anni che Joseph Smith ha improvviso il martire (27 giugno 1844) con il suo fratello Hyrum. Ed in Francia, ciò fa 22 anni che il libro di mormone è stato tradotto in francese (1851).
 Jules Vernes in 1851 aveva 23 anni, spirito curioso di tutto, aperto sul mondo ed in particolare sul nuovo mondo che la fascina (Cf l'isola fluttuante che riferisce un incrocio in direzione del nuovo mondo a bordo dello Great Eastern), è molto probabile che abbia avuto tra le mani una della prima traduzione del libro di mormone Jules Verne fa dire a Elder Hitch un po'di storia dei santi, e fa emergere il carattere ingiusto della persecuzione dei santi degli ultimi giorni, io cita: ...voilà perché la gelosia del congresso si è esercitata contro noi! perché i soldati dell'Unione hanno premuto il suolo dello Utah! perché il nostro capo, il profeta Brigham Young, è stato imprigionato al dispetto di qualsiasi giustizia! Cederemo alla forza?
 Mai! Cacciati del Vermont, cacciati del Illinois, cacciati dell'Ohio, cacciati dell'Missouri, cacciati dello Utah, troveremo ancora qualche territorio indipendente dove pianteremo la nostra tenda... I termini di Jules Verne nei confronti dei mormoni sono piuttosto elogiativi, e ne elabora un vero elogio della libertà. Insiste sul lato ingiusto della persecuzione di cui sono vittime i mormoni. Jules Vernes descrive anche le circostanze della scoperta del libro di mormone, e la sua traduzione ispirato a partire da caratteri egiziano, ci parla di Joseph Smith e della sua vita... È molto stupefacente.
Jules Verne conosceva molto perfettamente Mormonisme, e garantisce che ha della Lira il libro di mormone e del resoconto di viaggiatori che provengono da Utah. Può essere ha anche incontrato uno dei missionari della chiesa di Gesù Christ dei santi degli ultimi giorni, con che, ha potuto avere la notizia di mucchi di cose sulla nuova religione, che integrerà nel suo romanzo. Un termine denuncia il fatto che Jules Verne conosceva il libro di mormone egli dice "una traduzione di questo libro prezioso", egli occupazione il termine di "prezioso". Certamente più lontano, è detto che gli ascoltatori della conferenza di Elder Hitch lasciarono la sala poco interessati, ma là, è una caratteristica dell'epoca, siamo allo XIXe secolo in Europa, in pieno scientisme, ed è vero che i predicatori in Francia non avevano sempre sala colma...
 Ciò non è troppo cambiato al giorno d'oggi. L'autore del giro del mondo in 80 giorni mostra un interesse certo per Mormonisme e sembra intrigato dal libro di mormone, "questo libro prezioso". Jules Verne pensava probabilmente che l'America aveva appena trovato la "sua bibbia", ma all'epoca, non si poteva ancora prevedere la ripercussione immensa della "bibbia d'oro" nel mondo intero. E la storia mostrare che Utah diventerà lo stato che riparerà il regno dei santi degli ultimi giorni e garantirà la sua irradiazione mondiale. All'epoca della pubblicazione del giro del mondo in 80 giorni, nulla è ancora certo, poiché è fatto menzione di una partenza possibile di Utah verso terre indipendenti!
 La storia mostrare che infine i mormoni avranno trovato le "loro terre" per vivere in pace e nell'armonia. Jules Verne e Mormonisme, una questione molto male conosciuta in Francia, speriamo che quest'articolo permetterà di andare più lontano, ed aprire nuovi approcci delle ricerche. A differenza Di Sir Arthur Conan Doyle che sarà molto duro con la giovane religione mormone in uno dei suoi romanzi, Jules Vernes spazzola piuttosto un ritratto pittoresco dell'Ovest americano in generale e della valle del lago salato in particolare. Jules Vernes non si non mostrare aggressivo con i mormoni, si sente anche una certa ammirazione per il posto di Salt Lake City io cita: Ma durante questa conferenza, il treno era andato rapidamente e, verso mezzogiorno e mezzo, toccava alla sua punta del nord-ovest il grande lago salato. Di là, si poteva abbracciare, su un vasto perimetro, l'aspetto di questo mare interno, che porta anche il nome di mare morto e nel quale si getta un Giordano dell'America.


01/10/2006
3 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 241 autres membres