La bibbia ed UFOs

La bibbia ed UFOs
La bibbia è il best seller incontestato, è tradotta nel 1900 lingue e dialetti. Nel 1985, 97% della popolazione mondiale aveva accesso al libro dei libri nella sua lingua materna. Spiegare tale successo sfida la ragione. Tuttavia la bibbia il libro più venduto al mondo rimane male conosciuto, di numerosi focolari ne possiedono una copia a meno, ma quanto una persona si dà la pena di leggerla realmente? Aprire una bibbia è scoprire tesori, come è detto in salmo capitolo 119 versetto 18: "signore, apre i miei occhi, perché contempli le meraviglie della ta legge".
Quando si ha la possibilità di essere bibliste, ma così "ufologue", il campo che si apre per il ricercatore è immenso. Esplorare il cielo alla ricerca di un fenomeno sconosciuto non è il solo modo per trovarsi di fronte allo sconosciuto, aprire una bibbia e partire alla ricerca del fenomeno OVNI attraverso il testo, è un modo di risalire il tempo ed esplorare cieli che risalgono al passato più lontano, e che scopriamo! L'oggetto di quest'articolo non è di fare critica storica, della teologia, di presentare Bibbia, esistono centinaia di lavori su quest'argomenti nel commercio.
 È di farvi viaggiare attraverso il testo, alla ricerca di resoconti sconosciuti, di creature sconosciute, d'osservazione di ciò che sembra benessere una OVNI descritto in lingua vecchia. Allora amico lettore, vi propongo di accompagnarsi alla ricerca del fenomeno che noi interessa e di creature la cui natura non è probabilmente umana. Torah o Pentateuque che la tradizione attribuisce a Mosè è composta da 5 libri che sono: - Genesi - Esodo - Lévitique - Numero - Deutéronome Esploreremo il libro della genesi. (La bibbia usata è la T.O.B. versione 1997)
1°) Genesi: Fin dalla poesia della creazione in Gn I, 21 troviamo una frase il cui contenuto non ha finito fare parlare di lui: - Dio creò i grandi mostri marini. Le traduzioni possono variare da una bibbia all'altra, nella versione di Ostervald di 1894 si trova: - Dio creò dunque i grandi pesci. La bibbia della pleiade (1956) ci dà la versione seguente: - Elohim creò dunque i grandi draghi. Non si tratta più di mostri marini! Di stesso nella bibbia Chouraqui (1989) abbiamo: - Elohîm crea i grandi coccodrilli. Per sapere a che dobbiamo fare, dobbiamo prendere la nostra bibbia ebraica e di osservare quale è la parola usata in ebreo.
 Ma questa parola è tannînîm egli significa in ebreo drago o mostro marino in primo significato. Per Ezéchiel 29,3 ha il senso di coccodrillo, per esodo 7,9 il termine al senso di serpente. In realtà abbiamo un termine che è usato in genesi dal scribe per descrivere una realtà diversa, in occasione della creazione. Si tratta -il di un saurien della préhistoire? Di qui la parola per "drago", di un serpente di mare (che forse un saurien acquatico), il mistero resta intero. Quest'osservazione interessa qui gli cryptozoologues! Ora immersioni nel mistero con il testo famoso di Gn VI 1 a 4: - Allora gli uomini avevano iniziato a moltiplicarsi sulla superficie del suolo e che ragazze il loro erano nate, i Figli di Dio trasferiscono che le ragazze d'uomo erano belle e presero per donne quelle della loro scelta...
 In questi giorni, i giganti erano sulla terra e vi erano ancora quando i Figli di Dio vennero a trovare ragazze d'uomo ed ebbero di esse dei bambini. Sono gli eroi di precedentemente, quest'uomini di reputazione. Questo testo è la relazione di un contatto tra esseri celesti e l'umanità in tempi immemorabili la cosa è possibile. Ecco per cominciare ciò che dice la scienza exégétique biblico a proposito di questo testo. In ebreo il termine di "Figli di Dio" è "bné Elohim" ciò che traduce bene "Figli di Dio" secondo la teologia, non dimentichiamo che Elohim è un plurale noi dovreste avere "figli i dei". Questa traduzione di "figli i dei" è letterale, senza tenere conto dell'aspetto teologico. Questa tradizione di figli i dei venuti dal cielo, si trova in testi fenici prébibliques, ma così altrove nella bibbia, in salmo 29,1; 89,7; Lavoro 1,6; 2,1; 38,7.
I figli i dei sono potenze cosmiche che païens divinisaient e che il redattore ebreo subordina al dio vivo, pur attribuendo loro un'intelligenza ed una forza superiore a quella dell'uomo. Possiamo vedere qui un'influenza nel fatto che i sovrani orientali si dicevano "Figli di Dio" di vedere ad esempio in 2 Samuel 7,14, salmo 2,7 e 89,27. La parola per "giganti" in ebreo è Nephilim, questa parola potrebbe derivare da nephilah "la caduta"; altro senso possibile "coloro che cadono". Quest'interpretazione è molto interessante per l'argomento che li interessa. È -ce da dire che questi "giganti" vengono dal cielo da cui sono caduti... La speculazione è aperta amico lettore. Quando Mosè inviò spie esplorare la terra di Canaan, trasferiscono esseri di grande dimensione, i fili di Anaq, e pensarono di dovere fare a quest'eroi favolosi di prima dell'inondazione, ibrido tra figli i dei e donne della terra...
In una prospettiva ufologique, possiamo molto bene dire che i Figli di Dio (o dei letteralmente) sono extraterrestri venuti dai cieli che si accoppiarono a donne umane, e generarono una razza favolosa che gli esploratori di Mosè incontreranno bene più tardi ed al quale grande David si attaccherà nella persona di Goliath. Il testo biblico presenta Goliath come avendo 2,90 m d'altezza, originaria della città di Gat o si perpetua la razza dello Anaquim (fili di Anaq) discendenti del Nephilim dei primi tempi. Per dare una scala, Goliath portava un'attrezzatura di bronzo di un peso di 57 kg e la sola punta del suo diamante avrebbe pesato 7 kg! I popoli vecchi hanno avuto storie di giganti, sarebbe -ce soltanto i vecchi greci con Titans ed altri ciclopi. È -ce la memoria di esseri reali, prodotta di un'ibridazione tra esseri celesti e terrieri, o dobbiamo fare a leggende, dei miti fondatori?
 Non lo sapremo certamente mai meno a di scoprire indici seri nel corso di scavi archeologici in Medio Oriente. Nel prossimo articolo, continueremo la nostra esplorazione della genesi, che riserverà ancora alcune sorprese di dimensione che riguardano il fenomeno che le interessa e l'ipotesi extraterrestre.
 Bibliografia: - Dizionario della bibbia da parte di André-Marie Gérard, Ed. Robert Laffont Collection Bouquins 1989 - Dizionario della bibbia e delle religioni del libro, collettivo, Ed. Brepols 1985


08/10/2006
0 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 241 autres membres